Pubblicato il Report annuale di Monitoraggio sul Green Public Procurement 2020

22 Gennaio 2021

Progetto CReIAMO PA – L1WP1, disponibile online il Report di Monitoraggio sul GPP 2020. Il documento illustra lo stato di avanzamento del processo di adozione degli acquisti verdi per l’anno 2019 e nello specifico, il livello di applicazione dei Criteri Ambientali Minimi (CAM) nelle procedure di acquisto della PA, come previsto dall’art. 34 del Codice degli Appalti (D.lgs. 50/2016).

Giunta al secondo anno di realizzazione, l’indagine ha coinvolto Comuni, Enti Parco, Regioni e Città Metropolitane e ha mirato a stabilizzare i dati per il popolamento dei due indicatori quantitativi per l’analisi del grado di attuazione del GPP: la percentuale di acquisti verdi svolti sul totale degli acquisti pubblici, in valore monetario, e il numero di contratti realizzati.

Obiettivo primario della rilevazione annuale è quello di fornire una fotografia il più fedele possibile della progressione delle politiche di GPP sul territorio nazionale, con lo scopo di stimolare e sostenere gli enti nella misurazione dei target prefissati. L’analisi – condotta con qualche limite in ragione della disomogeneità nazionale di enti che dispongono di un proprio sistema di monitoraggio interno e indebolita dalle oggettive difficoltà operative causate dalla pandemia – ha indicato che il GPP non trova ancora adeguata diffusione all’interno delle amministrazioni italiane e ha evidenziato con forza il piano d’intervento su cui insistere.

La finalità di questo lavoro, pertanto, non è assimilabile all’attività di vigilanza che l’ANAC insieme al Ministero dell’Ambiente intenderà avviare, come previsto dal Protocollo d’intesa siglato nel 2018, ma mira a supportare lo sforzo che gli enti stanno compiendo per rafforzare le competenze degli operatori della PA impegnati negli uffici acquisti e sostenere gli adeguamenti necessari, anche sotto il profilo organizzativo, per rendere operativo il monitoraggio del GPP.

È per questo motivo che il report 2020 contiene al suo interno anche la buona pratica della Città Metropolitana di Roma che dal 2014 ha adottato un sistema interno di monitoraggio che consente all’ente, attraverso un sistema informatizzato, di reperire e condividere facilmente le informazioni necessarie alle misurazioni delle proprie performance, così come previsto anche dal piano di azione regionale. Quanto emerso ha evidenziato gli elementi cruciali sui quali proseguire, confermando da un lato la bontà della strada intrapresa attraverso azioni mirate di formazione ma ha indicato anche l’urgenza di un adeguamento organizzativo interno agli enti.

Consulta il documento qui:  Report di Monitoraggio GPP 2020

News

GPP: In arrivo il 28 e il 30 novembre la formazione per comuni e imprese della Città metropolitana di Milano

GPP: In arrivo il 28 e il 30 novembre la formazione per comuni e imprese della Città metropolitana di Milano

Il 28 e il 30 novembre si svolgeranno online 2 incontri formativi gratuiti sul GPP, la sostenibilità nelle aziende e nella domanda pubblica. Gli incontri sono rivolti alle Imprese iscritte all’elenco fornitori della Città metropolitana di Milano e ai Comuni dell’Area Metropolitana. L’obiettivo è quello di accompagnare le PA al rispetto dell’obbligo normativo del GPP, indicato nel Codice Appalti, rafforzando l’economia circolare e la green economy.

leggi tutto
Uno sguardo a ciò che mettono nel piatto le scuole europee

Uno sguardo a ciò che mettono nel piatto le scuole europee

Quanto sono sostenibili e sani i pasti scolastici in Europa? Il progetto europeo SchoolFood4Change, di cui siamo partner, ha deciso di tracciare un quadro più chiaro degli attuali sistemi alimentari nelle scuole europee con l’obiettivo di riportare le diete sostenibili e salutari nei menu scolastici. Lo studio di mappatura condotto dallo Stockholm Environment Institute Tallinn Center (SEI Tallinn) in Estonia, analizza i sistemi alimentari scolastici di 12 Stati membri dell’UE.

leggi tutto
Dal 29 novembre il laboratorio online sui nuovi CAM per l’edilizia rivolto agli enti pubblici della Sardegna

Dal 29 novembre il laboratorio online sui nuovi CAM per l’edilizia rivolto agli enti pubblici della Sardegna

Parte il 29 novembre la terza edizione del laboratorio online sui nuovi Criteri Ambientali Minimi (CAM) per l’Edilizia (D.M. 23-6-2022). Il laboratorio, tenuto dalla Fondazione Ecosistemi, è in linea con il Piano per gli acquisti pubblici ecologici della Regione Sardegna (PAPERS), ed è rivolto a tutto il personale della Regione Autonoma della Sardegna, degli Enti, delle Agenzie, nonché al personale delle ASL, Università e a tutti gli Enti locali, in forma singola o associata.

leggi tutto