MARS (INTERREG III B)

MARS, Monitoring the Alpine Regions’ Sustainability, è un progetto finanziato nell’ambito dell’iniziativa comunitaria INTERREGIIIB, Programma Spazio Alpino. Scopo ultimo di MARS è la costruzione di un database per il monitoraggio della sostenibilità delle Regioni Alpine, costituito da un set di indicatori comuni capaci di indicare le tendenze economiche, ambientali e sociali dello sviluppo regionale. Al progetto partecipano 22 partner, di cui 4 italiani: le Regioni Liguria, Piemonte e Veneto e le Province di Trento e Bolzano. Ecosistemi partecipa al consorzio scientifico, coordinato dall’IFF -Dipartimento di Ecologia Sociale- di Vienna e si occupa del calcolo del set di indicatori ambientali per tutte le regioni alpine italiane. Gli indicatori sono calcolati utilizzando al metodologia dell’analisi dei flussi di materia (MFA).

Documenti: Rapporto finale del progetto

Contatti: info@fondazioneecosistemi.org

Parole chiave: Analisi dei Flussi di Materia (MFA), Indicatori di Sostenibilità, Sistemi informativi regionali

Area: Responsabilità sociale delle Organizzazioni

Progetti correlati

Procura+, la rete europea per gli acquisti sostenibili

Fondazione Ecosistemi è il referente italiano per la rete Procura+, un importante network internazionale per la promozione degli acquisti pubblici sostenibili, avviato e coordinato da ICLEI – Local Governments for Sustainability per supportare le autorità pubbliche nell’attuazione degli acquisti sostenibili e nella promozione dei risultati.

Buy Better Food

Buy Better Food è una campagna di pressione europea concentrata sugli acquisti pubblici di cibo e bevande quale leva principale per la trasformazione dei sistemi alimentari europei in sistemi sostenibili, salutari ed equi, in linea con gli Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e la strategia europea Farm to Fork.

SchoolFood4Change (SF4C)

SchoolFood4Change (SF4C) faciliterà la transizione verso diete sostenibili e salutari nella società, generando impatti diretti in oltre 3.000 scuole e 600.000 studenti in 12 Paesi europei. Il progetto fornirà buone pratiche replicabili in tutta Europa e oltre. Tutti i bambini vanno a scuola e sono quindi esposti alle condizioni e agli ambienti alimentari scolastici.