Spazio a disposizione per eventuali info (ad es: Forum Compraverde 2021)

Competenze per l’Educazione al Cambiamento Climatico nelle comunità vulnerabili

Competenze per l’Educazione al Cambiamento Climatico nelle comunità vulnerabili” è un progetto di partenariato strategico Erasmus+, realizzato in collaborazione con l’Associazione Reper21 (Romania) in qualità di capofila, e con l’Associazione Connected by Nature (Francia), da ottobre 2016 fino a settembre 2018.

logo_cc_mini

Il progetto ha lo scopo di diffondere la lotta per il clima attraverso i diversi campi dell’educazione formale, non formale e informale, raggruppando in una sola comunità di pratica diversi soggetti tra i quali insegnati, educatori, consulenti, opinion leader, militanti associativi, esperti etc., che avranno l’opportunità di apprendere insieme i metodi dell’Educazione al Cambiamento Climatico (ECC) e di ritrasmetterli presso le comunità locali nelle quali sono attivi.

Il progetto in particolare vuole sviluppare competenze pedagogiche interdisciplinari e complesse, necessarie per l’Educazione al Cambiamento Climatico, presso 36 collaboratori, identificati dai partner, che svolgono le loro attività presso le comunità vulnerabili (zone rurali, piccole cittadine deindustrializzate, periferie, etc.).

Il progetto ha una metodologia e un approccio innovativi per l’acquisizione di nuove competenze, che vengono in questo contesto definite quali la somma delle conoscenze (saperi), delle attitudini (“saper-essere”) e dei comportamenti (“saper-fare”). Il progetto si propone dunque come intervento trasversale nel quale ciascuno dei partner e dei 36 collaboratori selezionati mette a disposizione la propria esperienza e competenza, ricevendo a sua volta una conoscenza più ampia possibile sulle competenze climatiche.

Il progetto, in particolare, ha 4 obiettivi specifici:

  • Capitalizzare i migliori metodi, strumenti e pratiche per l’acquisizione delle competenze pedagogiche relative al cambiamento climatico, tramite la loro identificazione, selezione ed esposizione in una Risorsa Educativa Libera (REL).
  • Adattare i contenuti pedagogici della REL alle attività educative specifiche dei 36 collaboratori (insegnanti, esperti ambientali e militanti associativi) tramite la creazione di 3 “cassette degli strumenti climatici” che saranno poi utilizzate per la realizzazione di 108 animazioni pedagogiche in comunità vulnerabili.
  • Rinforzare il partenariato del progetto e coinvolgere tutti gli attori dell’educazione (formale, non formale e informale) attivi nell’ambito di comunità vulnerabili, sviluppando una comunità di pratica on-line per l’educazione al cambiamento climatico.
  • Assicurare una gestione efficace e responsabile del progetto in maniera trasversale, realizzando valutazioni partecipate per ciascuna attività implementata.

 

Partner di progetto:

partner-progetto

Sito del progetto:  www.competencesclimatiques.eu ; www.facebook.com/competencesclimatiques/

Contatti: info@fondazioneecosistemi.org

Parole chiave: formazione partecipata, cambiamento climatico, competenze interdisciplinari, risorsa educativa libera, comunità vulnerabili.

Area: Sviluppo locale sostenibile

Progetti correlati

MATES – Manager per la Transizione Sostenibile

MATES – Manager per la Transizione Sostenibile è un progetto finanziato da Fondirigenti e realizzato da SFC – Sistemi Formativi Confindustria in partenariato con Fondazione Ecosistemi ed Ecole. Il progetto analizzerà le modalità con le quali si definiscono e si attuano le politiche ambientali e per la sostenibilità nelle imprese.

Linee Guida GPP

La Fondazione Ecosistemi per Liguria Ricerche e la Regione Liguria ha realizzato la redazione delle Linee Guida per la corretta applicazione dei Criteri Ambientali Minimi e per il controllo in fase di esecuzione dell’appalto. Uno strumento utile che contribuisce al miglioramento della prestazione ambientale delle forniture e dei servizi acquistati dall’ente Regione Liguria.

Protocollo d’intesa per l’attuazione del GPP nelle Città Metropolitane

La Fondazione Ecosistemi per la Città Metropolitana di Torino, promotrice del Protocollo e coordinatrice del Comitato Paritetico, ha realizzato un percorso di animazione della Rete delle Città Metropolitane italiane che nel 2017 hanno sottoscritto il Protocollo d’intesa per l’attuazione del GPP.